Call of Gods: browser game fantasy RPG/strategico

Call of Gods è un browser game fantasy che tenta di miscelare meccaniche da MMORPG e strategico a turni, offrendo un’esperienza di gioco alternativa a tutti gli appassionati del genere.

Anteprima di gioco

Edifici Call of Gods

L’ambientazione fantasy è divenuta ormai un’isola felice per certi giochi, un’ancora di salvezza a cui affidarsi in mancanza di idee migliori. Il preambolo di Call of gods, ad esempio, non è certamente dei più originali, però riesce a introdurre il giocatore in un mondo dove da decenni imperversa una guerra fra divinità per il possesso delle terre emerse e fra tre razze per il controllo dei feudi. Il tutorial iniziale ci metterà di fronte all’ardua scelta di chi guidare verso il trionfo, anche se in realtà umani, elfi e non-morti condividono le medesime statistiche e si differenziano soltanto in termini di unità da combattimento. La costruzione di una nuova roccaforte partirà dagli edifici basilari, ovvero quelli che permettono di recuperare i materiali necessari per sopravvivere. Segherie e miniere non ci faranno mai mancare il giusto apporto di legname, pietra, rame e ferro, utili per svolgere praticamente ogni azione. Mantenere pieni i magazzini ci permetterà tra le altre cose di migliorare continuamente le varie opere architettoniche, che saliranno di livello sbloccando nuove funzioni e velocizzando i processi. Gli edifici disponibili sono tuttavia soltanto 10, un numero esiguo rispetto agli standard.

La progressione generale ci è sembrata piuttosto lenta ma allo stesso tempo libera, con molte funzioni che vengono sbloccate solo dopo aver superato i livelli più alti. Grande rilievo è stato dato alle quest, che arricchiscono il titolo con un sistema simil-RPG raramente presente in produzioni simili. Fin dai primi minuti potremo infatti accettare diverse missioni di dungeon crawling dai molteplici NPC presenti in città, con obiettivi e ricompense di varia natura. Purtroppo questi compiti diverranno ben presto monotoni e ripetitivi, ma ci permetteranno di ottenere modeste quantità di oro e nuovi equipaggiamenti. L’esplorazione è ridotta all’osso e i combattimenti automatici rischiano di stancare presto, in quanto una volta assegnate le truppe nella griglia virtuale dovremo solamente attendere lo svolgimento delle battaglie. Il risultato sarà determinato dai soliti fattori come attacco, difesa, velocità e magia, anche se la difficoltà rasenta il ridicolo, complice un sistema di intelligenza artificiale imprevedibile e a tratti inconsistente. Buono in compenso il multiplayer, soprattutto nella sua veste cooperativa che consente di allearsi a qualsiasi clan per affrontare i dungeon più ostici e spartirsi in parti uguali i premi finali. Meno interessante il PvP, esclusivamente legato ai confronti nelle arene e parzialmente rovinato da un’evidente formula “pay-to-win”.

Città Call of Gods

Anche il comparto tecnico di Call of Gods vive di luci e ombre: Lekool Games è riuscita a creare un prodotto visivamente intrigante, composto da sprites bidimensionali di buona fattura e fondali convincenti. Peccato però per i menù troppo disordinati, una navigazione generalmente confusa e uno stile complessivamente anonimo. Appena sufficienti le animazioni, parecchio scattose durante i caricamenti ma accettabili nelle fasi gestionali. Nulla da criticare sul versante dell’ottimizzazione, caratterizzato da un frame rate granitico e caricamenti pressoché inesistenti. Discreta infine la colonna sonora, che però non riesce a scrollarsi di dosso tonalità epiche già sentite.

Conclusioni

Call of Gods non riesce a proporre nulla di eccellente, né come gameplay né dal punto di vista tecnico. Ci troviamo difronte a un prodotto mediocre, purtroppo destinato a cadere nel dimenticatoio.

Sito ufficiale: https://www.callofgods.com/

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *.

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Password Smarrita