The Last One: hack ‘n’ slash fra zombie e virus letali

The Last One è un altro titolo per Facebook sviluppato dal team russo Nexters di cui abbiamo parlato pochi giorni fa nella recensione di Throne Rush. The Last One è ambientato in un mondo colpito da una gravissima epidemia virale che ha trasformato quasi tutte le creature viventi in zombie violenti e assetati di sangue.

In The Last One il giocatore dovrà aiutare i superstiti a creare un rifugio sicuro e sarà spesso costretto a massacrare orde di non morti mossi solo dall’istinto e dalla fame omicida. La regola per sopravvivere è una sola: hack & slash a tutto spiano nella città dei morti!

Anteprima di gioco

Mostro The Last One

The Last One è un gioco strategico in stile hack ‘n’ slash, dove i combattimenti si svolgono in tempo reale e hanno spesso l’obiettivo di massacrare a suon di clic del mouse un’orda di cattivissimi. E chi per eccellenza rappresenta l’ideale di cattivo in un gioco thriller? Ma ovviamente gli amici zombie, protagonisti della migliore letteratura dell’orrore. Il giocatore, invece, sarà un coraggioso eroe che a prima vista non si presenta molto bene e sembra più che altro uno squilibrato: mezzo nudo, vestito solo con mutande e con una fascia di carta igienica intorno al petto, incontrerà sul suo cammino la bella Allie e dovrà salvarla e aiutarla a raggiungere il gruppo di superstiti. A quanto pare, infatti, ci sono parecchi sopravvissuti in città che vendono cibo in cambio di oggetti rari e organizzano tornei e combattimenti fra droni.

Seguendo Allie vi troverete ad esplorare la mappa della città scoprendo così che è tutt’altro che piccola. Nella battaglia contro i temibili zombie non sarete soli, ma potrete acquistare o trovare in missione dei droni, robot che vi saranno molto utili in battaglie contro numerosi nemici. Il sistema di combattimento è completamente incentrato sul clic del mouse, non ci sono combinazioni di tasti speciali, né si muove il personaggio con i tasti WASD, fatto che rende l’esperienza di combattimento abbastanza noiosa e ripetitiva, ma nel complesso più che accettabile per un social game di Facebook. Per passare da un’area all’altra della città si clicca direttamente sulla mappa aerea e si viene teletrasportati lì. Le risorse di gioco sono cinque: starmoney, coins e cibo in scatola, ma anche la stamina e l’energia per le Maxi battaglie. Le prime tre sono normalmente acquistabili in pacchetti nello shop, mentre le altre si ricaricano con tempo e obiettivi speciali acquisiti. Starmoney, coins e cibo servono a costruire gli edifici ed effettuarne l’upgrade, ma anche per acquistare o riparare oggetti. Nello shop, sotto la voce equipaggiamento, troviamo ben 160 armi, alcune credibili altre un po’ stravaganti: tubi di ferro, bottiglie di champagne, mazza da baseball, falce, coltelli, forchetta da barbecue e tante armi da fuoco. Oltre alle armi, gli slot equipaggiamento contengono: elmetto, giacca e giubbotto, collana, bracciale, pantaloni e scarpe. Ed ecco così spiegato perché il vostro avatar si presentava inizialmente in mutande…

Zombie The Last One

Sempre nello shop è possibile acquistare kit medici per l’automedicazione e la rigenerazione in battaglia. Vi sono poi granate, booster e bibite energetiche. Sotto la voce Garage trovate invece le automobili già sbloccate e potrete personalizzarne praticamente ogni parte, dal tetto, paraurti, ruote e cerchioni, ai fanali e i vetri. Dal livello 20, inoltre, si sbloccano anche i talenti che si livellano con i punti onore. I punti onore si ottengono soltanto vincendo le sfide della modalità Mass Combat che si tengono ogni 30 minuti. I MC (Mass Combat) si svolgono nell’arena e vedono protagoniste 2 squadre opposte formate da tre gruppi di due giocatori ciascuna. Inizia sempre il gruppo meno forte della squadra più debole (si considerano i punti vita e reputazione precedentemente acquisiti) e il gioco prosegue a turni, un gruppo di ogni squadra alla volta. L’obiettivo è uccidere tutti gli avversari sfruttando anche i poteri delle torri. Nei MC, infatti, ci sono tre torrette e ogni giocatore potrà usare il proprio turno per colpire un avversario oppure una torretta. Se colpisce e distrugge la torre verde, questa guarirà lui e/o il suo team; quella blu invece colpisce il giocatore o il team più forte, mentre la torretta arancione colpisce un giocatore o una squadra a caso.

Conclusioni

The Last One ci è sembrato un buon gioco per Facebook dalla grafica non particolarmente brillante, ma ricco di personalizzazioni e un gameplay variegato, basato sulla cooperazione fra utenti. Davvero carina la modalità MC che introduce un po’ di strategia e suspense legata all’esito imprevedibile della distruzione delle torri blu e arancio. Unica nota negativa è che il gioco è continuamente interrotto da richieste di aiuto da giocatori sconosciuti o inviti da inviare agli amici, ma a quanto pare questa è una fastidiosa prerogativa alla quale Facebook non vorrà mai rinunciare. Buono, nel complesso, ma migliorabile nella grafica.

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/ilovetsg

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *.

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Password Smarrita