American Racing 2: gioco arcade di gare automobilistiche

Turbo Nuke ci riporta nel mondo dei bolidi a stelle e strisce regalandoci finalmente il sequel di American Racing, un social game automobilistico di stampo fortemente arcade.

Allacciate le cinture, regolate gli specchietti e preparatevi a premere violentemente l’acceleratore.

Anteprima di gioco

Gara American Racing 2

American Racing 2 punta tutto sulla semplicità e sulla frenesia del gameplay, caratterizzato da un’immediatezza senza pari capace di farci divertire. Per gareggiare dovremo utilizzare soltanto le frecce direzionali e il tasto X, rispettivamente assegnati a sterzo, acceleratore, freno e turbo. Il sistema di guida ci è sembrato molto preciso, sicuramente più duro rispetto alla realtà ma in grado di fornire un buon feedback al giocatore, mentre il realismo è stato accantonato per favorire un approccio puramente arcade e in linea con i migliori cabinati degli anni ’90. Outrun, Sega Rally e molti altri titoli di questo genere sono stati probabilmente d’ispirazione, anche se gli sviluppatori hanno voluto impreziosire l’esperienza di gioco con piccole innovazioni certamente gradite, come “l’effetto scia” che ricaricherà la barra del turbo e ci fornirà una spinta aerodinamica non da poco.

La carriera principale ci vedrà impegnati in un vero e proprio tour nazionale negli Stati Uniti. Ogni settimana virtuale è caratterizzata da un singolo tracciato e un numero variabile di prove: si parte quasi sempre con una gara di riscaldamento in cui tentare la scalata partendo dalle retrovie, per poi passare a simpatici mini-giochi ottimi per allenarsi in vista della competizione finale. Al termine di ogni week-end ci verrà presentata la leaderboard online, grazie alla quale potremo confrontare i risultati ottenuti con quelli dei nostri amici. Il tasso di sfida è abbastanza alto e spesso saremo costretti a riprovare i singoli eventi per cercare di superare i sempre più difficili checkpoint. Ogni piazzamento ci garantirà una determinata somma di denaro da investire una volta tornati nel garage: l’auto potrà infatti essere modificata sia esteticamente (con colori e livree sempre nuove), sia dal punto di vista meccanico (motore, accelerazione, gomme, turbo…). Questo ci consentirà di migliorare le performance e superare le sfide più difficili. Interessante inoltre il sistema degli sponsor, che raddoppieranno le nostre vincite in cambio di pubblicità impresse sulla fiancata del veicolo.

Garage American Racing 2

Turbo Nuke fa centro anche sul versante tecnico: durante il nostro test non abbiamo riscontrato alcun rallentamento o bug, tanto meno fastidiose disconnessioni. L’esperienza è solida come poche e, allo stesso tempo, visivamente soddisfacente. La grande varietà di sprites in alta definizione garantisce un ottimo colpo d’occhio, con decine di auto diverse che si muovono fluide nei misteriosi fondali notturni. La risoluzione globale potrebbe essere migliorata, dato che abbiamo notato qualche problema di tearing, ma nel complesso il motore di gioco gestisce alla grande le rapide animazioni. Buoni anche i vari effetti grafici, come ad esempio la distorsione dell’ambiente circostante durante l’utilizzo del turbo. Sufficiente infine la colonna sonora, in tema con le tematiche trattate, ma decisamente ripetitiva.

Conclusioni

American Racing 2 si è rivelato essere una grande sorpresa, in grado di superare ampiamente le aspettative. L’ottimo gameplay vi terrà incollati allo schermo durante le numerose ore necessarie per portare a termine la campagna, complice un comparto tecnico solidissimo e una grafica apprezzabile.

Gioco su Facebook: https://apps.facebook.com/amracetwo/

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *.

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Password Smarrita